Daniele & Martina

14 settembre 2019
La Lista Regali si è chiusa il 31-12-2019

La nostra storia

  • "Viaggeremo tanto” mi disse, “voglio baciarti in tutti i posti più belli del mondo così saprai che non ti ho amata solo sempre. Ti ho amata anche dovunque."

  • Il viaggio

    Il meglio del Sudafrica & Mauritius

    16 settembre 2019

    Il meglio del Sudafrica & Mauritius dal 16 settembre al 4 ottobre

    Il Sudafrica è definito “il mondo in un solo paese” per la grande varietà di ambienti, etnie, costumi, colori e sensazioni che regala ai propri visitatori. Dal punto di vista ambientalistico questo paese offre deserti, pianure, monti, fiumi impetuosi, ampie foreste, vaste savane che si alternano a coste alle volte sabbiose e alle volte rocciose; offre così al turista emozioni ineguagliabili attraverso splendidi safari nei tanti parchi nazionali, primo tra tutti il Kruger National Park, autentico paradiso degli animali, o riserve private dove è possibile avvistare i famosi “Big Five”: leoni, elefanti, leopardi, rinoceronti e bufali e tante altre specie di mammiferi, rettili e anfibi. Tuttavia, il Sudafrica non è solo natura ed animali ma anche storia ed arte. Ci sono infatti città affascinanti come Cape Town, uno splendido mix di culture ed architetture sospese tra passato coloniale e modernità e Johannesburg., Jo'burg o Jozi e per il popolo Nguni iGoli, ovvero la città dell'oro, vero centro finanziario del Sudafrica (la capitale politica del Paese è Pretoria), sviluppatasi a partire dall'arrivo in questa zona dei cercatori d'oro europei nel diciannovesimo secolo. Il viaggio prosegue fino alle Cascate Vittoria  un tuffo di emozioni nell’Africa più selvaggia. Le Victoria Falls sono tra le cascate più spettacolari del mondo. Situato al confine tra Zambia e Zimbabwe, questo luogo incontaminato regala emozioni da brivido.  Patrimonio dell'Umanità UNESCO, il loro nome in lingua nativa è particolarmente suggestivo, Mosy-oa-Tunya o "Fumo che Tuona". E in effetti ammirarle a tu per tu è un'esperienza da brividi. Si rimane letteralmente ipnotizzati da quel maestoso getto d'acqua che sembra ribadire la sua potenza con un fragore soprannaturale. A completare il quadro magico e surreale contribuiscono la fitta vegetazione, i colori delle rocce e i riflessi dell'acqua illuminata dall'alba, dal tramonto o dagli arcobaleni. Luci, sfumature e suoni che regalano emozioni intense e vivide.

    E il viaggio continua a Mauritius. “Dio creò Mauritius e poi il Paradiso Terrestre”, scriveva Mark Twain nel 1885. E come dargli torto? La classica fotografia di questa isola vulcanica (lunga solo 58 km e larga 47) è quella di una candida spiaggia lambita da una placida laguna color turchese: insomma, davvero l’immagine dell’Eden. Ma queste “cartoline” non rendono completamente giustizia alla varietà geografica e paesaggistica che Mauritius sa offrire al visitatore. Al centro dell’isola si estende un altipiano dalla morfologia accidentata per il gran numero di crateri vulcanici, di corsi e salti d’acqua che lo punteggiano: meta ideale per chi ama il trekking e le lunghe passeggiate. Al limite del plateau si ergono poi tre cime basaltiche, che dominano il profilo dell’isola: il Piton de la Rivière Noire (828 m), il Pieter Both (823 m) e il Pouce (812 m). Il clima è piuttosto mite e le temperature non raggiungono mai picchi di caldo eccessivo: ne è testimone la rigogliosa vegetazione, una macchia verdissima che rinfresca le alture isolane.

    Cerimonia

    14 settembre 2019

    Roma, Via Cassia nr. 1